Ed eccoci appena tornati dal Gran Paradiso, come sempre, location favolosa. L’offerta di spunti, nonostante gli stambecchi e i camosci fossero ancora sui pascoli alti, è sempre enorme. Colori autunnali ovunque, laghi che riflettono cieli e alberi, paesaggi d’alta montagna remoti e solitari, picchi, giochi di luce e ombre, insomma tutto quello che si potrebbe desiderare da un’uscita fotografica.

Unico scoglio, superabile, la temperatura esterna, che durante il primo tramonto ci ha regalato l’ebbrezza del primo “1 grado centigrado col vento” della stagione, mentre all’alba si è scaldata a 2.

Ma non ci facciamo intimidire, siamo dei duri noi, e usiamo il riscaldamento della macchina.

Vi lascio con una delle prime foto che abbiamo scattato, intanto vado a lavorare sulle altre!

E voi? Che intemperie siete disposti a sfidare per portare a casa una bella foto?